Chrome velocizzerà il pulsante “indietro” con la funzione bfcache

Sebbene il browser Google Chrome sia largamente utilizzato, soffre di alcune pecche che altre soluzioni hanno risolto da tempo, tuttavia l’azienda è intenzionata a lavorarci offrendo miglioramenti sostanziali. E’ il caso della nuova funzionalità bfcache recentemente esposta nel blog destinato agli sviluppatori, che Google intende attivare entro il 2020.

Bfcache sta per “cache back-forward”, ossia un sistema che sarà in grado di memorizzare la pagina web precedente dopo che saremo passati alla successiva. Nulla di nuovo per gli utenti Safari e Firefox, che già da diversi anni (2002 Safari e 2005 Firefox) possiedono una funzione simile.

La funzionalità consentirà di visualizzare molto più rapidamente una pagina precedentemente visitata quando utilizzeremo il tasto “back” o “indietro”, senza doverla ricaricare ex novo. In sostanza, la visita di nuovi siti web non risulterà più veloce, dunque una funzionalità piuttosto semplice, che però non è esente da sfide per il team di sviluppatori.

Innanzitutto è evidente che un processo di questo genere potrebbe essere piuttosto impegnativo in termini di memoria occupata, e Chrome risulta tradizionalmente un browser avido di risorse, pertanto andrà testato a dovere. Il team di sviluppo di Chrome fa sapere che la funzionalità bfcache sarà introdotta nel 2020 dopo un buon periodo di test, che a quanto pare sarebbe attualmente in corso. Per maggior dettagli, potete visitare la pagina del blog sviluppatori disponibile in fonte.

Leggi l’articolo originale – http://feedproxy.google.com/~r/HDblogMobile/Android/~3/ohqgIzRGtX8/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto