Account hackerati: database da record e la falla di Facebook e Twitter

Dati rubati, ancora una volta. Di nuovo ci troviamo a riportare notizie di esposizione di informazioni personali, riguardanti 4 miliardi di account sparsi per il mondo: numeri addirittura superiori rispetto a quelli che hanno coinvolto Yahoo nell’attacco del 2013, in cui tutti gli utenti furono hackerati. Non solo: parallelamente, anche Facebook e Twitter sono stati colpiti da un caso analogo, questa volta relativo ai dati (personali) resi visibili a sviluppatori di terze parti. Si tratta ovviamente di due eventi differenti nella loro natura, nelle conseguenze e, cosa non di poco conto, nel numero di persone coinvolte.

4 MILIARDI DI ACCOUNT COLPITI

4 miliardi di account, si diceva, per 4TB di materiale reso, di fatto, pubblico. Si tratta di uno dei casi più eclatanti della storia, che stando alle prime stime di Data Viper avrebbe coinvolto almeno 1,2 miliardi di persone.

  • Numero di persone coinvolte: 1,2 miliardi
  • Numero di account coinvolti: 4 miliardi
  • Dimensione dei file trovati: 4TB
  • Contenuti rubati: nomi, indirizzi mail, numeri di telefono, informazioni personali pubblicate su Facebook e LinkedIn
  • Provenienza dati: 2 distinte società di “data enrichment” (arricchimento dati: da una singola informazione su una persona – nome, mail – si raccolgono ulteriori dati per “arricchire” il profilo della persona stessa, fino a conoscerne stile di vita, gusti, movimenti, … Tali dati vengono poi condivisi e venduti alle aziende affinché queste abbiano informazioni sui potenziali clienti)

Tutti i dati sono stati trovati all’indirizzo http://35.199.58.125:9200, catalogati sotto le due sigle PDL e OXY, riconducibili a due distinte fonti che hanno fornito i dati stessi. Stando alle prime valutazioni, PDL altro non sarebbe che People Data Labs, società di data enrichment che ha raccolto dati di 1,2 miliardi di persone traendoli soprattutto da LinkedIn.


Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2 è in offerta oggi su a 479 euro oppure da Unieuro a 899 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi l’articolo originale – http://feedproxy.google.com/~r/HDblogMobile/Android/~3/Ity5r2OKP5U/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto